Back News Notizie dal mondo

Notizie dal mondo

Riprendono le esportazioni americane di suini in Argentina

Dopo 25 anni, la Casa Bianca ha annunciato di aver trovato un accordo con l'Argentina per riprendere le esportazioni di prodotti suini americani. La U.S. Meat Export Federation (USMEF) si aspetta dunque di vedere crescere la domanda sul mercato argentino sia di materie prime che di prodotti lavorati . Le autorità argentine per la sicurezza alimentare effettueranno ispezioni in loco prima delle spedizioni. vc

Peste Suina Africana: primo caso di infezione anche in Romania

Lo scorso 31 luglio, ad un mese di distanza dal primo caso in Repubblica Ceca, le autorità veterinarie rumene hanno confermato che 4 suini hanno contratto il virus PSA nonostante le misure precauzionali adottate dalle autorità rumene. L'autorità veterinaria russa ha già annunciato una serie di restrizioni temporanee per le importazioni di suini vivi e carne suina provenienti dalla Romania. vc

Giappone: primo importatore di carni suine entro il 2019

Secondo l'ultimo report congiunto di OECD e FAO, entro il 2019 il Giappone potrebbe diventare il maggior importatore mondiale di carni suine, toccando quota 1.200 tonnellate importate. La Cina, le cui importazioni nel 2016 sono arrivate a toccare quota 1.800 tonnellate, entro il 2019 potrebbe subire un netto calo stabilizzandosi quota 1.147 tonnellate. vc

Esportazioni europee di carni suine previste in declino nella seconda parte del 2017

Secondo l’ultimo report della Commissione Europea, per i prossimi mesi le esportazioni europee di carni suine in termini di volume diminuiranno da 2.793 tonnellate a 2.542 tonnellate, per toccare quota 2.491 tonnellate nel 2018. Le possibili cause sono da trovare nella mancata disponibilità del prodotto associata ad un aumento dei prezzi ed alla diminuzione della domanda cinese. vc

Stati Uniti: esportazioni di carni suine da record a marzo 2017

A marzo le esportazioni statunitensi di carni suine hanno raggiunto il livello record di 228 mila tonnellate, in crescita del 16% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. Ottima anche la variazione tendenziale del dato cumulato relativo al primo trimestre dell'anno (+17% in volume), che è risultato pari a 628 mila tonnellate. Causa principale di tale incremento sono stati i maggiori quantitativi inviati verso Messico, Corea del sud e Colombia. (i.c.)